I nuovi chip Apple Silicon M1X

Aggiornamento: 26 giu 2021

Il 10 novembre 2020 Apple ha, ancora una volta, dato inizio ad una vera e propria rivoluzione per l'industria dei computer presentando l'Apple Silicon M1. Il nuovo processore (di più sul chip M1 di seguito) è stato adottato da Apple su Mac mini, MacBook Air, MacBook Pro 13" e sui nuovi iMac presentati ad aprile. Quando l'adozione di Apple Silicon per i modelli high end come MacBook Pro 16" e Mac Pro?


Apple Silicon M1X

Apple Silicon M1


Il 20 novembre 2020 Apple ha annunciato che abbandonerà la partnership con Intel per equipaggiare i Mac con un chip progettato e prodotto internamente all'azienda.

Di per sé Apple Silicon non è una novità: dal lancio del primo iPhone nel giugno del 2007 e successivamente con iPad gli utilizzatori dei prodotti della mela hanno sperimentato le prestazioni dei processori a marchio Apple.

Con l'arrivo di iPad Pro 2018, tuttavia, il mondo ha iniziato a vedere il vero potenziale di questi chip. Un tablet ha potuto raggiungere e, nel caso di molti laptop di range intermedio, distruggere le prestazioni di molti computer, il tutto in un form factor di meno di un centimetro di spessore e senza necessità di ventilazione.

Apple, inoltre, è sempre stata nota per la stretta integrazione tra hardware e software, che ha contribuito alla popolarità dei suoi dispositivi e sistemi operativi come sistemi affidabili e piacevoli da utilizzare.


L'introduzione di Apple Silicon su Mac ha, tuttavia, avuto un impatto ben più determinante sull'industria. L'azienda di Cupertino ha reso possibile una combinazione tra integrazione hardware-software, elevate prestazioni e performance di batteria mai viste nell'industria del computer, soprattutto a questo prezzo. Al contempo Apple, che ha garantito il supporto per le macchine basate su Intel ancora per "molti anni" (non che sia chiaro quanti), grazie a Rosetta 2, software di compilazione e traduzione delle app scritte per Intel, è riuscita a prospettare una transizione completa verso Apple Silicon in solo due anni. Quest'ultima dichiarazione spinge a pensare ai modelli della gamma Mac che ancora mancano all'appello.


Quando usciranno e, soprattutto, che versione del chip monteranno?


Compra MacBook Pro 13" M1 su Amazon

Compra MacBook Air M1 su Amazon


Gli ultimi rumors


Le attese per il lancio dei nuovi MacBook Pro e Mac mini durante la WWDC di giugno sono state disattese, ma molti segnali indicano che la presentazione di questi nuovi modelli e, quindi, anche della nuova versione del chip Apple Silicon, sia dietro l'angolo.

Secondo le ultime informazioni trapelate, Apple dovrebbe introdurre un nuovo design per MacBook Pro, con un modello da 14 pollici e uno da 16 pollici.

Il noto leaker di Twitter, Dylan, ha affermato che M1X sarà un'espansione dell'attuale chip M1, che porterà più porte thunderbolt e più core per CPU e GPU.

Sempre secondo queste informazioni, si prospetta successivamente anche il lancio del chip M2, impostando un trend di presentazioni annuali per le nuove revisioni dei chip Apple Silicon.


Le date non sono ancora certe. Da un lato gli eventi più ovvi per il lancio sarebbero quelli autunnali, tradizione nella tabella di marcia di Apple. D'altro canto l'azienda di Cupertino potrebbe stupirci con un evento a sorpresa durante l'estate, per raggiungere il mercato degli acquisti per scuola e università con i suoi nuovi modelli laptop.

A quanto pare, parte delle tempistiche però dipendono dalla crisi mondiale che riguarda la produzione di componenti elettroniche. Crisi che non sembrava aver toccato molto Apple e che probabilmente non riguarda tanto gli Apple Silicon chip, quanto i nuovi display che verranno installati sui nuovi MacBook Pro.

I più timorosi pensano anche ad un lancio che sarà posticipato al 2022, ma, incrociando le dita, non dovremo aspettare molto.


di Alessandro Bencini

Iscriviti alla newsletter!